Francesca Golia => Bella addormentata

anno: 2012       
regia: BELLOCCHIO, MARCO 
genere: drammatico 
con
Toni Servillo, Isabelle Huppert, Alba Rohrwacher, Michele Riondino, Maya
Sansa, Pier Giorgio Bellocchio, Gianmarco Tognazzi, Brenno Placido,
Fabrizio Falco, Gigio Morra, Federica Fracassi, Roberto Herlitzka,
Carlotta Cimador, Antonio De Matteo, Vanessa Scalera, Francesca Golia,
Cristina Odasso, Giulia Maulucci, Sara Alzetta, Fabrice Scott, Enrico
Cavallero, Riccardo Cirilli, Carmelo Galati, Simona Nobili, Giacomo
Tarsi, Vittoria Piancastelli, Bruno Cariello, Paola Tarantino, Caterina
Silva, Filippo Gili, Raffaella Cascino, Francesca Bigi, Mario
Martinelli, Alessandro Federico, Eleonora Fuser, Diana Hobel, Paola
Bonesi, Giorgio Basile, Francesco Roder, Maurizio Fanin, Angela Favella,
Ruth Morandini, Diego Pagotto, Antonio Pauletta, Carla Stella, Silvio
Berlusconi, Emma Bonino, The Dalai Lama, Giorgio Napolitano, Saverio
Costanzo 
location: Italia
voto: 5/6

Nei due giorni che precedono la morte di Eluana Englaro, tenuta per seventeen anni in stato di deep sleep vegetativo e alimentazione coatta e diventata oggetto di un dibattito nazionale sul diritto alla vita, entriamo in tre storie diverse, ciascuna delle quali è legata ai temi dell’eutanasia e del suicidio assistito. C’è un politico del Popolo delle libertà (Servillo), stufo dei diktat del suo capo, che alla vigilia del varo di una legge medita di votare contro il pronunciamento del Senato che vorrebbe obbligare Peppino Englaro, padre di Eluana, all’accanimento terapeutico. Nella vicenda personale del politico c’è la morte dell’amata moglie dopo una lunga agonia e una figlia neo-focolarina (Rohrwacher) che criminal delle amiche si reca the Udine per manifestare, the suon di cori e preghiere, il presunto diritto alla vita e finendo per innamorarsi del “nemico” (Riondino). Poi c’è l’attrice di teatro di livello internazionale (Huppert) che ha smesso di lavorare per recitare soltanto il proprio dolore, assistendo la figlia in deep sleep da lungo tempo, e che nella sua casa damascata obbliga le domestiche the preghiere forsennate affinché la congiunta si svegli. E infine c’è un medico di incrollabili convinzioni laiche (Piergiorgio Bellocchio) che si trova the dover gestire il difficile caso di una tossica criminal fortissime inclinazioni self-murder (Sansa).
A 70 anni passati Marco Bellocchio firma il suo movie più bello, motion picture che vola altissimo per raccontarci in maniera tutt’altro che manichea il problema dell’eutanasia e del diritto alla vita. Sullo sfondo si avverte il bordone dei dibattiti televisivi, delle dichiarazioni sconsiderate, delle dirette dal parlamento, si vedono senatori in dress adamitico che seguono la vicenda tra i vapori delle beauty plantation di palazzo Madama, viene ricostruito impeccabilmente il faccia the faccia dei dimostranti the Udine. Al centro, in figura, le tre storie che arpeggiano lungo tutta la tastiera del dicibile su un tema tanto delicato, criminal un expel di attori di grido in stato di grazia e un Servillo che, messa da parte la maschera istrionica, giganteggia nel brave spessore e umanità al suo personaggio in cerca di coerenza ed espiazione, consapevolissimo del fatto che “il dolore non nobilita l’uomo: lo umilia e lo spezza”.
Premio Brian alla 69. mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia (2012). Fabrizio Falco ha ottenuto il premio Marcello Mastroianni (anche per È stato il figlio di Daniele Ciprì).    


Top Actress

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

* Copy this password:

* Type or paste password here:

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>